STUDIO MEDICO POLI-SPECIALISTICO
MEDI-PRO FIRENZE
Visite Specialistiche , Ecografia, Eco-Color-Doppler, Ecointerventistica Muscolo-Scheletrica , Diagnosi, Cura

Medicina Interna, Ecografia, Diagnostica Vascolare, Eco-Interventistica Muscolo-Scheletrica, Cardiologia, Geriatria, Neurologia, Reumatologia, Fisioterapia, Nutrizionista, Podologia,

Dott. Gaetano Ricignolo
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Interna

  • DIPLOMA NAZIONALE NAZIONALE SIUMB in Ecografia
  • DIPLOMA GIUV in diagnostica eco-color-Doppler
  • SERVIZIO DI MEDICINA INTERNA - DIAGNOSTICA VASCOLARE - ECOGRAFIA INTERNISTICA - ECOGRAFIA MUSCOLO-SCHELETRICA presso Fondazione don Carlo Gnocchi ONLUS
  • ECO-INTERVENTISTICA MUSCOLO-SCHELETRICA


L'INTERNISTA

"?" 

Questa è generalmente l'espressione dell'interlocutore quando lo Specialista in Medicina Interna dichiara la propria specializzazione.

Il cardiologo cura il cuore, l'ortopedico le ossa, il neurologo il cervello, il geriatra i vecchi, il pediatra i bambini, il ginecologo le donne e così via.

E l'internista cosa cura ... l'interno?


Lo Specialista in Medicina Interna vive in un ossimoro professionale:

  • è uno Specialista che oltre ai lunghi anni (6) del corso di laurea in Medicina e Chirurgia prosegue il suo percorso di formazione con altri 5 (cinque) anni di specializzazione, quasi un raddoppio della laurea, durante i quali si addestra alla gestione del Paziente complesso, spesso con comorbidità (cioè con più patologie contemporaneamente presenti  che si influenzano reciprocamente).
  • ma è anche un "Generalista" che non può considerare approfonditamente soltanto gli aspetti specifici (come farebbe uno specialista d'organo o d'apparato, per esempio un oculista, un otorinolaringojatra o un dermatologo) ma la Persona nella  sua complessità.

L'internista deve obbligatoriamente avere un approccio medico olistico, considerando contemporaneamente ed in maniera integrata la Persona in tutti i suoi  aspetti: organici, psicologici, ambientali e sociali.

Negli ultimi anni si sta affermando, non senza resistenze, un nuovo paradigma medico-scientifico, la Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia che assieme dalla "rivoluzionaria" Epigenetica,fornisce elementi misurabili, fornite le connessioni tra l'ambiente, la sfera psicologica e i sistemi, tra essi integrati, della  componente organica (sistema nervoso, immunitario ed endocrino).

Questo nuovo paradigma  conferma ciò che i grandi Clinici del passato e di oggi sapevano e sanno: la cura della persona passa attraverso un approccio globale.

La  Scuola di Specializzazione in Medicina Interna e Cardiologia di Firenze che ho frequentato  era d'impostazione classica, il Direttore é un grande Clinico, il Prof. Gian Gastone Neri Serneri,  ed il suo insegnamento è stato fondamentale per molti suoi allievi e anche per me. Se dovessi utilizzare un solo termine per sintetizzare la visione della medicina della sua scuola direi  "CLINICA". 

Clinica significa ascolto, relazione,  visita, presa in carico.

Cosa deve aspettarsi il Paziente da una  valutazione internistica?
  • L'ASCOLTO della storia, l'anamnesi familiare, fisiologica, patologica e farmacologica;
  • la VISITA, l'esame obbiettivo completo (osservazione, palpazione auscultazione e percussione) con i portentosi mezzi tecnologici forniti dalla Natura, i 5 sensi più un sesto, l'ISTINTO, che consente l'integrazione dei dati raccolti ed il contemporaneo confronto   con il bagaglio dell'esperienza.
  • l'IPOTESI DIAGNOSTICA e l'eventuale completamento diagnostico (esami di laboratorio, strumentali o consulenze);
  • la TERAPIA;
  • la verifica dell'efficacia della terapia,  controlli o follow-up.


L'internista moderno naturalmente non può ignorare ciò che la tecnologia ha da offrire. L'ECOGRAFIA in particolare è uno strumento estremamente efficace nelle mani del clinico, quasi un settimo senso,  sia per la diagnosi che per il monitoraggio ed il follow-up. 

Per questo motivo eseguo la diagnostica ecografica professionale, internistica, muscolo-scheletrica, vascolare color-Doppler.


L'ecografia consente inoltre di guidare terapie, eseguite in equipe, a quattro mani,  precise, sicure ed efficaci di patologie muscolo-scheletriche (ECO-INTERVENTISTICA MUSCOLO-SCHELETRICA). Anche se può sembrare atipico per un internista, attraverso questa metodica, abbiamo sviluppato, con il Dott. Fabrizio Giannelli, un campo d'interesse estremamente gratificante viste le percentuali molto elevate di risultati positivi ottenuti con poche terapie, ben tollerate, con elevata sicurezza, ambulatoriali (per ulteriori informazioni visita la pagina di ecointerventistica oppure visita il sito WWW.ECOINTERVENTISTICAFIRENZE.ORG


PILLOLE DI MEDI-PRO FIRENZE

Oltre la genetica, più della genetica … la rivoluzione dell’EPIGENETICA!

Le scienze biologiche stanno vivendo una esaltante ed epocale fase di grande evoluzione.

L’epigenetica è lo studio dei “CAMBIAMENTI NELL’ESPRESSIONE GENICA CHE NON SONO CAUSATI DA MUTAZIONI GENETICHE E CHE POSSONO ESSERE EREDiTABILI”.

In pratica, semplificando, la coppia dei genitori dona alla prole il suo patrimonio di geni (1 genotipo) che corrisponde ad un set di potenzialità che si esprimeranno in un modo o in un altro (più fenotipi) in risposta a stimoli e stress ambientali, relazioni sociali, influenze culturali, attività.

Tutto ciò avviene attraverso meccanismi sempre più noti e studiati.

- La METILAZIONE del DNA che talvolta silenzia il gene, cioè non lo fa esprimere ed altre volte lo stimola, cioè attiva la sua espressione.
- Altro meccanismo complesso di tipo epigenetico è il RIMODELLAMENTO DELLA CROMATINA.
La cromatina è l’impacchettamento del lunghissimo filamento di DNA (circa 2 metri!) attorno ed assieme alle proteine istoniche.
Il grado impacchettamento della cromatina è variabile: meno compatta è la cromatina più è attiva la zona (cioè più esprime i geni di quel tratto di DNA).
- Gli RNA NON CODIFICANTI possono avere funzione interferente o attivante il DNA.

Attraverso questi e probabilmente molti altri meccanismi ancora da chiarire, l’ambiente determina una modulazione della espressione del genoma, in senso positivo o anche determinando alterazioni patologiche.

Sempre più, per esempio, si stanno dimostrando possibili efficaci strategie terapeutiche anche attraverso un utilizzo evoluto degli alimenti.

Alcuni esempi:

- la dieta ricca di METIONINA (carne e formaggi) determina ipermetilazione di aree cerebrali con aggravamento di schizofrenia e psicosi;
- una dieta ricca di cibi come i BROCCOLI che contengono inibitori naturali della deacetilazione possono contrastare l’ipermetilazione (utili in queste patologie psichiatriche);
- la dieta eccessivamente ricca di calorie, ZUCCHERI RAFFINATI e GRASSI SATURI causa attivazione del fattore di trascrizione nucleare NF-kB, la maggiore via di attivazione di alcune centinaia di geni per la produzione di sostanze per la proliferazione cellulare e infiammazione (segnatura epigenetica in senso infiammatorio);
- il RESVERATROLO (buccia dell’uva rossa), la CURCUMINA, il BUTIRRATO e altri acidi grassi a catena corta prodotti da una flora intestinale in salute contrastano la segnatura epigenetica proinfiammatoria
- il RESVERATROLO, la CURCUMINA , l'EPIGALLOCATECHINA GALLATO (del tè verde) diminuiscono l’attivazione degli enzimi DNMT probabilmente utili nella prevenzione del cancro (Mirza, 2013);
- il RESVERATROLO ha una possibile efficacia nella prevenzione del cancro al seno (Papoutsis, 2013).

Anche l'epigenetica lo dimostra:
LA PRIMA MEDICINA E' CIO' CHE SI MANGIA!

WWW.MEDIPROFIRENZE.COM


PILLOLE DI MEDI-PRO FIRENZE

La MAGIA DELLE PAROLE
Dopo tanti anni di visite, di persone, di storie ho la certezza di ciò che l'istinto prima e le conoscenze poi avevano suggerito.

Le PAROLE sono magiche!

Possono sortire effetti assolutamente meravigliosi, modificare la condizione mentale, l'umore, lo stato d'animo.

Possono spalancare i cancelli della mente (e del corpo) e liberare risorse inaspettate, imprevedibili energie, indurre il cambiamento e l'evoluzione personale.

Le PAROLE sono magiche! e curano, spesso più del farmaco.

Le PAROLE sono il primo strumento terapeutico del medico, quando inserite in una sensibile, educata, evoluta strategia, quando sono usate per esprimere l'ARTE e la SCIENZA del LINGUAGGIO per la GUARIGIONE.

Le PAROLE ... ed il SILENZIO.

Il silenzio del medico che si dispone attivamente nella modalità dell'ASCOLTO.

I primi minuti di colloquio con il paziente che si esprime liberamente e senza interruzioni esponendo i motivi che lo conducono alla visita sono FONDAMENTALI!
Lì c'è un po' tutto, il cosa, il quanto, il come, alcuni perché, il dove.

L'obiezione in genere è sempre la stessa: "se lasciassi parlare tutti liberamente visiterei 1/5 dei pazienti".

In realtà NON E' COSì.

Lo studio Beckman-Frankel (1984) ha rilevato che la maggioranza dei medici interrompeva il proprio paziente 18 secondi dopo che aveva cominciato a parlare.

Studi successivi hanno invece evidenziato che i pazienti, se lasciati parlare liberamente, concludono la loro STORIA in media in cinque minuti.

In questi cinque minuti il professionista "educato" ad una comunicazione evoluta è aiutato a comprendere il mondo del paziente , o meglio la mappa, la rappresentazione del mondo che il paziente si è costruito.

Citando il consiglio di Sir William Osler ai suoi studenti: "ascoltate il vostro paziente, sarà lui a darvi la diagnosi".

Nella mia modesta esperienza, anche in attività che apparentemente non sembrerebbero avere bisogno di grande componente linguistica (per esempio durante una piuttosto tecnica seduta di terapie infiltrative ecoguidate per le patologie muscolo-scheletriche), l'uso consapevole dell'ASCOLTO aperto e delle PAROLE trovo che dia enormi risultati.

In particolare sulla predisposizione del paziente alla guarigione, sull'orientare l'interpretazione corretta e funzionale degli eventuali sintomi e segni dopo la terapia, sulla consapevolezza e condivisione della strategia di cura.

Tanto per capirsi: se al paziente, affermando la verità, diciamo che il dolore, eventualmente presente il giorno dopo un trattamento percutaneo per fascite plantare, E' UN DOLORE DI GUARIGIONE!, attiviamo un potente meccanismo di rappresentazione positiva, "sdrammatizziamo" il sintomo e attiviamo varie risorse interne.

In breve: l'ASCOLTO facilita la comprensione e la diagnosi e le PAROLE potenziano la cura.

(Dott. Gaetano Ricignolo Ecointerventistica Firenze Gaetano Ricignolo
Specialista in Medicina Interna
Diagnostica ecografia e vascolare
Eco-interventistica muscolo-Scheletrica)

Studio Medico Medi-pro Firenze
Via Aretina, 167/M
Per info: 055 674584

www.mediprofirenze.com
www.gaetanoricignolomedico.eu